I giovani nei paesi ricchi bevono meno alcolici

La quantità di alcol che i giovani bevono in molti paesi ad alto reddito ha registrato un netto calo dall’inizio degli anni 2000. Ma in molti paesi in via di sviluppo sta accadendo il contrario.

In un podcast The Conversation Weekly, parlano tre esperti che studiano le tendenze nelle abitudini di consumo dei giovani per scoprire il perché.

Ad agosto, l’agenzia fiscale nazionale giapponese ha sollevato le sopracciglia in tutto il mondo quando ha lanciato una campagna che invitava più giovani a bere alcolici.

La sua ragione era economica: l’invecchiamento demografico e il cambiamento delle abitudini durante la pandemia di COVID hanno comportato un calo delle entrate fiscali derivanti dalla vendita di alcolici.

Ma sebbene la reazione del Giappone alla questione possa essere insolita, non è affatto l’unico paese in cui i giovani bevono meno alcolici.

I paesi ad alto reddito in Europa, Nord America e Australasia stanno registrando un calo significativo della quantità e della frequenza che i giovani bevono, dopo un picco intorno al 2003.

“Il consumo di alcol in tutte le forme sta diminuendo”, afferma Amy Pennay, ricercatrice presso la La Trobe University di Melbourne, in Australia.”

“I tassi di astinenza stanno aumentando. Le persone bevono meno frequentemente”, spiega Pennay.

I cali più netti sono tra i minori di 18 anni, ma c’è stato anche un effetto di flusso nella maggior parte dei paesi ad alto reddito per i giovani di età compresa tra 18 e 24 anni.

Pennay fa parte di un gruppo di ricercatori in Australia, Regno Unito e Svezia che analizzano le tendenze del consumo di alcol tra i giovani.

Uno dei suoi colleghi in Svezia, Jonas Raninen del Karolinska Institute di Stoccolma, ha monitorato le tendenze nel bere tra i giovani svedesi nati nel 2001 come parte di uno studio longitudinale.

“Direi che 17 invece di 15, come prima”, dice, spiegando che il declino generale sta anche spingendo verso l’alto l’età in cui le persone iniziano a bere.

Mettendo insieme tutti questi dati, i ricercatori stanno iniziando a individuare i motivi per cui si sta verificando un calo del consumo di alcol tra i giovani in questi paesi ad alto reddito.

Stanno scoprendo quanto sia diversa la vita per gli adolescenti di oggi rispetto a quelli che entrano nell’età adulta 20 anni fa. “L’alcol è diventato per i giovani qualcosa che è passato dall’essere … una ricompensa e perseguito, a qualcosa che è davvero evitato”, spiega.

Altrove nel mondo, tuttavia, i paesi in via di sviluppo stanno assistendo all’opposto: un aumento del consumo di alcol da parte dei giovani.

Emeka Dumbili, docente presso la Nnamdi Azikiwe University nel sud-est della Nigeria, studia il consumo di alcol tra i giovani nel paese dal 2012.

Nelle sue interviste con giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni, ha riscontrato un aumento del numero di persone che gli dicono che bevono, anche se è una piccola quantità.

“Alcuni di loro stanno iniziando il consumo prima di arrivare all’università, già a 13 anni o anche prima. E molte persone che non bevevano prima di andare all’università hanno iniziato a bere subito dopo essere entrate all’università”, dice.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here